Bluebella - IT

Permettici di aiutarti. Scegli il tuo Paese di residenza tra quelli elencati qui sotto e ti mostreremo i prezzi, i tempi di consegna e i costi di spedizione corretti.

Scegli tra:

  • United Kingdom

    Regno Unito

  • United States

    Stati Uniti

  • France

    Francia

  • Germany

    Germania

  • Italy

    Italia

  • Australia

    Australia

  • Europe

    Resto d'Europa

  • United Kingdom

    Resto del Mondo

Hey!

For delivery to US, please use our website at

www.blubella.us

Delivery to the US is not available from www.bluebella.com

Carrello

La Storia della Calzetteria



Written by - Bluebella

La calzetteria esiste da diverso tempo, ma la sua popolarità è cresciuta considerevolmente negli ultimi anni. Noi di Bluebella siamo stati testimoni diretti di questo fenomeno: dall'anno scorso, abbiamo infatti registrato un aumento del 92.36% nel numero di capi di calzetteria venduti su bluebella.com.

Ma come hanno fatto calze, reggicalze e autoreggenti a stringere una relazione con moda e lusso? Quando è iniziata la loro ondata di popolarità?

Le origini della calzetteria sono piuttosto antiche e vantano di una storia affascinante. Inizialmente concepita come un mezzo per celare e contenere le forme femminili, la calzetteria è oggi disegnata per far sentire le donne a proprio agio, senza dover rinunciare a stile e comfort. Quanta strada è stata fatta!
I primissimi antenati della calzetteria moderna sono apparsi durante un'era tutt'altro che sontuosa e possiamo tranquillamente dire che lo stile era l'ultima delle preoccupazioni, a favore della funzionalità.
Anche se in forme diverse, sembra che la calzetteria sia sempre esistita: i primitivi avvolgevano i propri polpacci con pelli animali per ripararsi dal freddo e calze di maglia sono state trovate all'interno di tombe egizie, risalenti al periodo tra il terzo e sesto secolo. La calzetteria è però rimasta un capo prettamente utilizzato dagli uomini fino al 1800.

Anche se i nostri antenati non si facevano problemi ad andarsene in giro indossando calzetteria di dubbio gusto, questa ha comunque mantenuto la sua rilevanza fino ai giorni nostri. Trasformandosi da capo dal fine prettamente pratico a mezzo per esprimere il proprio stile e la propria sensualità, la calzetteria rappresenta inoltre cambiamenti culturali e sociali. Noi di Bluebella abbiamo l'impressione che sia qui per restare.

Il debutto della calzetteria nella sfera femminile sembra essere avvenuto con l'aumento del potere delle donne come consumatrici. Il movimento femminista ha spinto i manufatturieri a sperimentare con nuovi stili, materiali e forme che si potessero adattare a diverse occasioni. Le donne hanno iniziato a pretendere che la calzetteria non solo riflettesse il loro nuovo potere, ma che le rendesse libere di muoversi, in senso letterale e non.

La calzetteria moderna mostra ancora una grande influenza degli anni '20. Con loro sono arrivate le cinture reggicalze, risparmiando alle donne il dover indossare il corsetto, che fino a quel momento era l'unico capo che potesse sostenere le calze.

Impossibile non menzionare il materiale che ha letteralmente sconvolto le carte in tavola: il nylon. Durevole ed economico, il nylon non solo diventò presto estremamente popolare nella produzione di calze, ma venne anche soprannominato "la fibra che ha vinto la guerra", in quanto veniva utilizzato per fabbricare paracadute, amache e corde per la battaglia.


Sarah Sundin

Image credit: Sarah Sundin

Durante la guerra, l'enorme gap tra domanda e offerta di calze di nylon spinse le donne a ripiegare sul mercato nero per potersene procurare. Le fan più fedeli, iniziarono addirittura a dipingere una linea verticale sul retro delle proprie gambe per imitare la cucitura delle calze! A oggi, le autoreggenti e i collant con la cucitra posteriore sono ancora di gran voga e le nostre calze con cucitura sul retro e bordo in pizzo sono state le calze da noi più vendute negli ultimi due anni! Anche se nessun capo di calzetteria può battere le nostre famose autoreggenti nere con bordo liscio, che mantengono a oggi il primato nella categoria.


Smith Sonian Magazine

Image credit: Smith Sonian Magazine


Fast forward agli anni '60, impossibile non nominare la iconica combo migonna-collant. Le ricoluzionarie di questa decade sbandieravano questo look estremamente femminile come segno di protesta alle norme societarie del tempo.
Oggigiorno i collant sono ancora un elemento fondamentale di ogni guardaroba. Nientepopodimeno che Queen Beyoncé ha dichiarato di indossare non uno, ma ben quattro paia di collant durante le sue esibizioni! 


Beyonce

Image credit: Nerd news today


Con il passare del tempo, alcuni elementi della calzetteria sono passati di moda e altri sono diventati in. Con l'invenzione dei collant, i reggicalze sono stati messi da parte per decenni, per poi tornare in auge con un'attitudine tutta nuova negli anni '80 e '90, durante i quali venivano visti più come mezzo di espressione che come capo funzionale.

Per il prossimo San Valentino, noi di Bluebella prevediamo il solito picco nelle vendite di calzetteria, ma sembra che le cose possano cambiare di nuovo. Recentemente, grazie al sostegno delle celebrità, le calze e i reggicalze hanno iniziato ad attirare l'attenzione di un nuovo e più giovane pubblico. Le Influencer hanno invaso i feed di tutti con perfetti scatti di calzetteria seducente. Nel 2020, la calzetteria si è dimostrata un pezzo di lingerie essenziale, le cui vendite si sono impennate non solo a San Valentino, ma anche ad Aprile e Maggio, in pieno lockdown. "L'effetto-Covid" sulle vendite di Aprile si è palesato con un aumento del 158% delle vendite rispetto all'anno precendente.


La calzetteria moderna è simbolo della libertà di scelta che caratterizza la nostra società. Che siano di stagione o no, la passione per le calze e i reggicalze è difficile da spegnere. È forse la loro stretta vicinanza alla nostra pelle a renderle così sensuali?

Condividi su
Facebook Pinterest Twitter

Instagram