Accedi registrati
Bluebella - IT

Permettici di aiutarti. Scegli il tuo Paese di residenza tra quelli elencati qui sotto e ti mostreremo i prezzi, i tempi di consegna e i costi di spedizione corretti.

Scegli tra:

  • United Kingdom

    Regno Unito

  • United States

    Stati Uniti

  • France

    Francia

  • Germany

    Germania

  • Italy

    Italia

  • Australia

    Australia

  • Europe

    Resto d'Europa

  • United Kingdom

    Resto del Mondo

Hey!

For delivery to US, please use our website at

www.blubella.us

Delivery to the US is not available from www.bluebella.com

Carrello

LA CAMPAGNIA

CELEBRIAMO IL CORPO FEMMINILE

Nel 2016, in occasione di una incredibile estate all'insegna dello sport, Bluebella parla del rapporto tra forza fisica e bellezza. Come discusso da Emma Watson durante la sua campagna "He for She", troppe ragazze e donne sono oggigiorno ancora frenate nel perseguire una carriera sportiva dalla comune credenza che un corpo forte non possa essere oercepito come femminile. Il peggior pregiudizio consiste nel pensare che le atlete siano dei maschiacci, che la loro forza fisica le renda poco femmili e che non possano rientrare nello stereotipo della "ragazza carina".

Noi crediamo fermamente nella libertà di scelta e siamo convinti che femminilità non vada a braccetto con debolezza, così come mascolinità non sia sinonimo di forza. La scelta di allenarsi duramente, sudare e urlare, la scelta di indossare quello che si voglia e la scelta di non conformarsi non dovrebbero mai essere oggetto di giudizio. Il corpo delle atlete dovrebbe essere celebrato e ammirato per la perseveranza e la dedizione necessarie a plasmarlo, per la sua così evidente forza esteriore e interiore.

Il corpo perfetto non esiste - chiedete a qualunque atleta tonica e statuaria che passa ore e ore in palestra, faticando per migliorare il proprio fisico, in preparazione alla competizione.

Anche ai livelli più alti, anche le atlete fuori classe sono insicure rispetto alla propria forma fisica. Parole come "muscolosa", "mascolina" e "poco femminile" sono spesso utilizzate con connotazione negativa per descrivere il corpo di un'atleta. Troppe ragazze rinunciano allo sport durante le scuole superiori, solo perchè non vogliono che il proprio corpo diventi "troppo atletico" e non vogliono essere diverse dalle loro coetanee.

Siamo convinti che ogni donna debba prendere il controllo e essere abbastanza sicura di sè da plasmare il corpo che preferisce. Dall'atleta professionista a chi va in palestra solo una volta alla settimana: è il tuo corpo, la tua sfida, la tua vita.

Unisciti a Bluebella nella conversazione Be Strong Be Beautiful, incontra tre magnifiche atlete e ascolta la loro storia - Amber Hill, Stef Reid e Bryony Shaw